Preghiera a Santa Prassede

O gloriosissima Vergine Santa Prassede

Tu che sei stata discepola del Principe degli Apostoli, ospitato nella tua casa, e che fin dai più teneri anni hai visto cadere intrepidi, sotto la spada del carnefice, i seguaci più illustri della fede di Gesù Cristo e ne hai raccolto le preziose reliquie e il sangue scaturito dalle loro vene, per arricchire la stessa tua casa, convertita in sacro tempio, vieni, ti prego, in aiuto della Santa Chiesa, a cui oggi si muove una guerra non meno empia e furibonda, ed ispira a noi quei sentimenti di fede e di carità che ardevano nel tuo cuore.

Amen

 


La Storia

Potenziana (Pudenziana) e Prassede, Vergini, Sante, Martiri di Roma

Fonti

Indipendentemente dai documenti relativi al titulus Pudentis o basilica Pudentiana e al titulus Praxedis, e dagli Atti leggendari, i nomi di Potenziana e Prassede, quali sante martiri romane, figurano negli Itinerari del sec. VII, dai quali risulta che esse erano venerate dai pellegrini nel cimitero di Priscilla sulla via Salaria. La Notitia Ecclesiarum Urbis Romae (Itinerarium Salisburgense) dice: <<Postea ascendens eadem via (Salaria) ad sancti Silvestri Ecclesiam, ibi multitudo sanctorum pausat… et in spelunca, Crescentius martyr et in altera S. Prisca martyr et Praxidis (sic!)>>.

Leggi tutto...


 Oliveto Sabino e il Culto di Santa Prassede

Oliveto Sabino (600 metri slm) è una frazione del Comune di Torricella in Sabina.

Sorge, presumibilmente, sul luogo dove esisteva l'aborigena dei Sabini "Trebula Mutuesca". Tale ubicazione è rivendicata anche da Monteleone Sabino, però quella località risulta fondata da un monaco farfense, quindi in età posteriore alle prime notizie che si hanno sull'esistenza di Oliveto Sabino.

Queste notizie sono desunte da un codice farfense del VII secolo dopo Cristo, in cui si parla per la prima volta dell' "Oppidum di Oliveto", quando Monteleone non era ancora stato fondato.

Infatti Leone Crescenzio, uomo nobile, monaco dell'ordine di S. Benedetto, fondò "Castrum Montis Leonis" moltissimo tempo dopo che era già sorto l' "Oppidum di Oliveto" dalle rovine di "Trebula Mutuesca": di quest'ultima si hanno notizie già dall'814.

Oliveto è situato in una amena cerchia di monti, con illimitate bellezze naturali.

Leggi tutto...

 

Dipinto di Ridolfo del Ghirlandaio (Tosini)

Ellermann collection Vienna

 

Collezione privata

 

Settembre 2017

Oliveto Sabino: festa di Settembre 2017

Anche quest'anno con la consueta cerimonia nella chiesa del SS.mo Salvatore di Oliveto Sabino la Statuetta di Santa Prassede è passata dal vecchio al nuovo festarolo e cioè dalla famiglia Zagaria alla famiglia VITTORI Emilia.

Al termine della cerimonia una mano di un bambino ha estratto il nuovo festarolo che terrà l'anno prossimo la Statuetta: la famiglia Cavallo.

Ultimo evento

Oliveto Sabino:  21 luglio 2017 giorno di Santa Prassede

ore 07:30 la Statuetta è stata accompagnata in processione attraverso il bosco alla chiesetta "al Fosso".